CHERNOBYL

UNO STRAORDINARIO DEBUTTO

Proprio questo Lunedì è andato in onda il primo episodio della (profetizzata) serie evento basata sul disastro nucleare di Chernobyl, avvenuto al confine della città ucraina di Prypjat. La miniserie, firmata HBO in collaborazione con SKY, ha avuto il miglior successo mediatico per una serie tv europea al primo episodio dal record degli ascolti di Das Boot, uscita questo inverno. Migliaia di spettatori si sono sintonizzati su Sky Atlantic incuriositi da quello che è stato uno degli eventi più disastrosi della storia umana, ritrovandosi davanti una delle produzioni più spettacolari mai trasmesse in TV.

L’INCIDENTE

Il disastro avvenuto il 26 Aprile 1986 fu il più grave incidente mai verificatosi in una centrale nucleare e rimane ancora oggi quello che suscita in noi più interesse.

La città direttamente coinvolta fu Prypjat, ai tempi sotto il controllo e la giurisdizione sovietica dell’URSS, che inizialmente non venne evacuata per evitare la fuoriuscita di informazioni e quindi portando ad una contaminazione di massa che sarebbe stata facilmente evitabile.

Nel primo episodio della serie, di fatti, il sentimento predominante tra gli spettatori è stato di certo quello della frustrazione. Siamo stati messi di fronte ad una mentalità chiusa, arrogante e complottista, figlia del regime totalitario in cui è nata.

LA PRECISIONE STORICA

A colpire, senza ombra di dubbio, è l’estrema cura con cui HBO ha approcciato il periodo storico del disastro in questione. Ormai sono passati molti anni e la maggior parte di noi non era neanche ancora nata, eppure, per tutta la durata dell’episodio, la sensazione è stata quella di vivere lì; in un paese trascurato, sospettoso ed incapace di ammettere i suoi errori. Dai costumi, agli edifici e infine il cast; nulla è lasciato al caso.

UN MUST WATCH

Questa miniserie si prospetta come un capolavoro, dalla cinematografia spettacolare e la solenne veridicità con cui affronta i fatti, attenendosi a proiettare ciò che è accaduto senza indorare la pillola. Quanto successo è stato un errore umano ed è bene che questa serie non perda occasione per ricordarcelo.

Questa piccola perla andrebbe guardata da tutti, trasmessa nelle scuole e negli uffici governativi, affinché fruisca da monito per le generazioni presenti e a venire, perché mai, neanche in un milione di anni, dovrebbe verificarsi nuovamente quanto accaduto a Chernobyl nel 1986.

Voto: 10/10

Alicia.

Lascia un commento