LUCIFER – STAGIONE 4

Sembrava impossibile eppure il Diavolo è tornato fra noi, ed è ancora meglio di quanto ricordassimo. Netflix, dopo che in migliaia avevano firmato petizioni per salvare la serie, ci ha finalmente regalato la quarta stagione di Lucifer, che conta però solamente 10 episodi.

Grazie mamma Netflix

Parliamoci chiaro, senza Netflix probabilmente non avremo mai avuto una quarta stagione (e forse una quinta) e invece, contro ogni aspettativa e mesi senza alcun tipo di informazione, la quarta stagione sembra aver superato le aspettative di quasi tutti. Infatti, il passaggio da Fox a Netflix, nonostante i timori di vedere rovinata una serie bella come questa, ha solo giovato a Lucifer.
Tom Ellis, impeccabile e perfetto come sempre, mantiene il suo ruolo di protagonista e il suo inconfondibile accento british. Al suo fianco ritroviamo Lauren German nei panni della Detective, e tutti gli altri attori che avevamo lasciato in salute nella terza stagione. Tranne Pierce, lui per fortuna se ne è andato per sempre.
In questa stagione il cast si arricchisce di Graham Mctavish, che avevamo già visto in Outlander e Lo Hobbit, e di Inbar Lavi nel ruolo di Eve (sì, proprio la Eva di Adamo).

La Profezia

In questa stagione Chloe, dopo aver visto il vero volto di Lucifer, decide di partire lontano da Los Angeles. Fra le sue tante tappe si ferma in Italia, più precisamente nello Stato del Vaticano, dove incontra padre Kinley (Mctavish). Kinley sa che il diavolo cammina liberamente sulla terra e si serve di Chloe, giustamente ancora scossa da ciò che ha scoperto sul suo partner, per avere più informazioni possibili su Lucifer Morningstar. Il piano del prete è semplice: usare Chloe per incatenare Lucifer all’inferno, evitando così il realizzarsi della profezia sulla fine del mondo.
Quello che padre Kinley però non ha messo in conto è il rapporto tra Chloe e Lucifer, che in questa stagione non fa altro che rafforzarsi, e naturalmente l’arrivo di Eve che darà una piega inaspettata al piano del prete.

Eve, la prima donna

Per tre stagioni Lucifer ha avuto occhi solo per Chloe, non c’è mai stata un’altra donna. Ma ecco che con la quarta, si presenta alle porte del Lux niente poco di meno che Eve, la prima donna di Lucifer, nonché moglie di Adamo. Eve, abbandonato il Paradiso perché ritenuto troppo noioso e monotono, decide di scendere sulla Terra per ricongiungersi con l’unica persona che crede l’abbia mai amata. Dimenticate la Eva di cui vi parlavano al catechismo, perché la Eve di Lucifer ne è completamente l’opposto.
Durante lo scorrere degli episodi abbiamo modo di approfondire meglio questo personaggio che ci viene presentato inizialmente solo come una bambolina ingenua ma che alla fine capirà di aver bisogno di scoprire la vera se stessa dopo millenni passati a compiacere gli uomini.

Una stagione troppo bella per essere vera

Con la quarta stagione tutto sembra prendere una piega positiva e molti dei personaggi sembrano essersi finalmente guadagnati il loro lieto fine dopo tre stagioni di sforzi. Ritroviamo Linda e Amenadiel la cui vita cambierà per sempre proprio all’inizio della stagione. Il cambiamento di Linda coinvolgerà però anche Maze portandola a diventare ancora più protettiva nei confronti della dottoressa, e trovare qualcuno che forse potrebbe ricambiare i suoi sentimenti. Ella Lopez dovrà fare i conti con la sua fede che sembra vacillare sempre di più, mentre Dan cerca ancora di riprendersi dalla morte di Charlotte. Per entrambi la situazione prenderà però una piega che sono sicura neanche loro si aspettassero.
Ci penserà però il finale a toglierci quel sorriso dalla faccia e a riempirci gli occhi di lacrime, perché, per qualche ragione sconosciuta, il Diavolo non sembra proprio meritarsi un lieto fine.

La serie però è dannatamente bella e merita sicuramente di essere guardata almeno un paio di volte.

Voto: 8.5/10
Sara

Sara

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top
en_GBEnglish (UK)
it_ITItaliano en_GBEnglish (UK)
%d bloggers like this:
Skip to toolbar