STAR WARS: L’ASCESA DI SKYWALKER (spoiler free)

Dopo ben due anni di attesa, il capitolo conclusivo di una delle saghe più epiche e meglio riuscite degli ultimi 40 anni è finalmente uscito nelle sale di tutto il mondo, senza ovviamente attirare su di sé non poche polemiche. Che film di Star Wars sarebbe senza qualche polemica?

It’s an instinct. A feeling. The Force brought us together.

L’Ascesa di Skywalker, nono e ultimo capitolo di Star Wars, questa volta vede su di sé la firma di J.J. Abrams – dopo i tentativi poco apprezzati di Rian Johnson – e ritroviamo tutti gli attori che avevamo lasciato nel Capitolo VIII con qualche aggiunta e qualche ritorno che non poteva non mancare in questo capitolo conclusivo.

Possibilità Mancate

L’ultimo capitolo conclude la saga definitivamente, su questo non ci sono dubbi. Ma quando le luci si spengono e il sipario cala, non possiamo fare a meno di elencare tutto quello che è andato storto. E purtroppo tante cose sono state lasciate forse un po’ al caso per la fretta di concludere, lasciando aperti tanti interrogativi che il IX Capitolo avrebbe dovuto chiarire in maniera definitiva. Purtroppo, il film è un susseguirsi di possibilità mancate che, se analizzate in maniera migliore, con una maggiore profondità, avrebbero sicuramente alzato il livello del film che in certi punti sembra quasi fin troppo superficiale.

Un Cast Stellare

Merito del successo della nuova trilogia è dovuto in parte anche agli attori protagonisti: Daisy Ridley, Adam Driver, John Boyega e Oscar Isaac. Insieme li abbiamo visti non solo viaggiare da un pianeta all’altro ma anche maturare dal punto di vista attoriale conquistandosi il loro posto nel cinema. Faccio quasi fatica a ricordare gli anni in cui nessuno sembrava conoscere Adam Driver che ha fatto del 2019 il suo anno.

Il nuovo cast funziona proprio perché ad accompagnarlo passo per passo ritroviamo anche i membri onorari di Star Wars che J.J. Abrams riesce a riunire tutti – o meglio, quasi tutti – di nuovo in un unico film.

I don’t care if you win. I just want Kylo Ren to lose!

Nessuno è stato dimenticato

Nel capitolo conclusivo, J.J. Abrams riesce a ritagliare un angolo di film per tutti, nessun personaggio viene dimenticato. Certo, dare spazio a tutti non significa esattamente dare il giusto spazio a tutti, infatti il film sembra dimenticarsi completamente del percorso cominciato da alcuni personaggi nei film precedenti, ma il ritorno di Billy Dee Williams unito al cameo di Harrison Ford e Mark Hamill riesce quasi a oscurare – non del tutto – questa pecca. Carrie Fisher, ritorna nei panni di Leia per un’ultima volta facendoci ricordare tutti i motivi che hanno reso iconico il suo personaggio e tutti i motivi che hanno reso lei quella donna iconica difficile da dimenticare e che è riuscita a conquistarsi il suo posto in un mondo e in una Galassia comandata da soli uomini.

I am all the Jedi.

John Williams colpisce ancora

L’Ascesa di Skywalker è un’opera d’arte imperfetta che riesce ad amalgamare nei suoi 142 minuti tutto ciò che ha reso Star Wars la saga per eccellenza, attori impeccabili, umorismo mai sopra le righe, effetti speciali talmente belli da far dubitare della realtà, ma soprattutto la colonna sonora che porta ancora una volta la firma di John Williams. È proprio la colonna sonora che riesce ad unire tutti gli ingredienti di questo capitolo fra di loro, accompagnando per l’ultima volta i personaggi verso il loro destino e diventando parte integrante della storia.

Un Film che non può accontentare tutti

“Non accontenterai mai tutti, bisogna saperlo e fare il meglio che ti è possibile. Non vedo l’ora che vedano il film”

Così J.J Abrams aveva esordito a pochi mesi dall’uscita del film e la sua previsione sembra essersi rivelata alla perfezione. Nonostante il film non riesca, proprio perché si tratta di un’impresa impossibile, ad accontentare tutti i fan, il Capitolo IX è la conclusione quasi perfetta di una saga perfetta che ha fatto la storia non solo del genere fantascientifico ma del cinema in generale. L’Ascesa di Skywalker riesce a mettere la parola fine a una saga epica cominciata nel 1977 e che da allora è riuscita a conquistarsi il suo pezzo di storia diventando una colonna portante del cinema mondiale.

May the Force Be With You

Voto: 8/10

Sara

Sara

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top
en_GBEnglish (UK)
it_ITItaliano en_GBEnglish (UK)
%d bloggers like this:
Skip to toolbar