SPIDER-MAN: HOMECOMING

Tanti Peter Parker per tutti i gusti

Se siamo in tema Marvel, per me è un obbligo morale parlare del mio preferito, che considero quasi un figlioccio, supereroe della MCU. Sarà l’allitterazione nel nome, sarà il fascino e il misto di tenerezza di un ragazzo che vuole essere qualcosa di più di quello che è, ma, Peter Parker ha rapito il mio cuore dalla prima volta che è arrivato sui grandi schermi. Ce ne sono stati molti e, si non ve lo aspettereste mai, li ho adorati tutti e PP interpretato da Tom Holland non è da meno. So che quando si parla di Spiderman, nell’immaginario comune, viene normale pensare a Toby Mcguire e al suo fantastico lavoro nei film, ma posso assicurarvi che, scelta più azzeccata di Tom Holland nei panni di Peter Parker, non poteva esserci.

Trama

Spiderman –Homecoming, propone una novità, al contrario degli altri film gli avvenimenti della vicenda iniziano dopo Civil War, vediamo quindi per la prima volta uno Spiderman gia formato, gia consapevole delle sue abilità.

Peter Parker è un ragazzino timido ma molto intelligente che passa le sue giornate tra scuola, cotte, amici e si,  che ogni tanto si diletta a mantenere intatta la pace e l’ordine nella sua città. Deve fare i conti però con una città scossa ancora dagli attacchi alieni di 8 anni prima e soprattutto, deve fare i conti con Adrian Toomes che cerca di guadagnarsi da vivere costruendo e poi vendendo armi di contrabbando costruite con i resti delle navi dei Chitauri.Risultati immagini per spider-man

Adrian Toomes, “l’Avvoltoio” è interpretato da un  fenomenale Micheal Keaton. Oserei dire che nessun villian della MCU fino a quel momento, mi ha convinta quanto lui.

Considerazioni

Ho amato questo film, fresco e scorrevole che mixa azione e teen drama quanto basta, ho adorato lo spiderman ragazzino, impacciato nella vita di tutti giorni, timido con le ragazze ma con un grandissimo cuore e con un enorme senso di incompletezza.

Gia dall’inizio del film, introdotto con la conosciutissima canzone dell’Uomo Ragno revisionata per l’occasione, ho proprio riscontrato questo enorme senso di insoddisfazione in Peter, un ragazzo desideroso di crescere, desideroso di essere considerato adulto ma ancora incapace di relazionarsi con le prime cotte o con i classici problemi adolescenziali .

Mi sono sentita molto rappresentata dal suo personaggio, dal suo “vuoto” interiore, certo io a 16 anni non mi creavo problemi perché nessuna voleva farmi entrare negli Avengers, e di certo, non avevo tutta questa voglia di buttarmi nel mondo per combattere la giustizia rischiando la morte tutti i giorni, ma come Peter non mi sentivo soddisfatta di quello che avevo, volevo di più.

Lo sviluppo caratteriale e psicologico di Peter

Il desiderio  interiore di Peter di essere un Avengers con la A maiuscola lo accompagna e ci accompagna nel corso di tutto il film arrivando poi ad un character development pazzesco che credo si un po’ la chiave di tutto il film, in quanto inaspettato.

A fine film stupisce tutti con una fantastica frase che, ogni volta che la sento, mi fa capire perché proprio lui, fra tutti,  sia il mio preferito.

Preferisco stare con i piedi per terra per un’ pò, essere un amichevole Spiderman di quartiere

Peter è l’emblema di quello che ogni persona dovrebbe volere per se stessa, l’accettazione in positivo di quello che si è e di quello che si ha, delle felicità che a volte sta nelle piccole cose e non per forza in quelle grandi.

Iniziamo Spiderman con un vlog fatto dallo stesso Peter che ci fa vivere e rivivere la classica spensieratezza, e divertimento adolescenziale e lo finiamo con lo stesso ragazzo, simpatico e timidino, forse più maturo, più consapevole.

E  quindi ritorniamo sempre  ad una famosissima frase che non viene detta ma riecheggia nell’aria, silenziosa, ma palpabile:

Da grandi poteri, derivano grandi responsabilità

Peter, alla fine, ci dimostra che queste responsabilità, lui che prima era un ragazzino che voleva giocare a fare il supereroe, adesso, è finalmente in grado  di prendersele.

Carmen

Voto 10/10

Lascia un commento