Amsterdam

Plot
New York,1918: agli sgoccioli della Grande guerra, il giovane Burt Berendsen viene “spinto” al fronte dai genitori della moglie. Durante un insediamento in Francia, l’uomo fa amicizia con il soldato afroamericano Harold Woodsman. Feriti in battaglia, i due vengono curati da Valerie, un’eccentrica infermiera che fa piccole sculture con le schegge di metallo estratte dalle ferite dei soldati. Burt perde un occhio a causa dei bombardamenti; due amici di Valerie, Paul Canterbury e Henry Norcross, che in realtà sono due agenti segreti, gliene forniscono uno di vetro.

Plot
Burt, Harold e Valerie si trasferiscono poi a Amsterdam e stringono un solenne patto secondo cui ognuno di loro aiuterà gli altri nei momenti di difficoltà. Un giorno, però, Burt sceglie di tornare a New York per stare con la moglie. Harold, che ha intrapreso una relazione sentimentale con Valerie, sceglie di restare. Quando l’amico viene arrestato per abuso di antidolorifici, Harold chiede a Valerie di aiutarlo contattando la propria famiglia, che è molto influente, ma lei non vuole fare sapere dove si trova perché teme che la famiglia la costringerà a tornare in patria. Nonostante questo, accetta di farlo, ma poi se ne va senza dire nulla ad Harold che, a sua volta, ritorna negli Stati Uniti dove diventa avvocato.

Plot
1933: Burt ha aperto il suo studio medico per veterani ed è ancora amico di Harold, che ha realizzato le sue aspirazioni; non hanno notizie di Valerie da quando hanno lasciato Amsterdam. Elizabeth Meekins, figlia di un ex generale che Burt e Harold avevano conosciuto in Francia durante la guerra, chiede ai due di occuparsi dell’autopsia di suo padre Bill, morto in circostanze sospette. Con l’aiuto dell’infermiera Irma St. Clair, l’operazione viene eseguita rivelando che il defunto ha una notevole quantità di veleno nello stomaco. Burt e Harold si incontrano con Elizabeth per parlare di quanto scoperto, ma un sicario la uccide spingendola sotto un camion in corsa e indica loro come responsabili.

Plot
Prima di essere uccisa, Elizabeth aveva pronunciato il cognome Voze; Burt e Harold, alla disperata ricerca di qualcuno che possa garantire per loro e scagionarli, fanno quindi visita al ricco Tom Voze e alla sua misteriosa moglie, Libby. Qui ritrovano Valerie: è sorella di Tom e aveva convinto la figlia di Meekins ad assumerli sapendoli degni di fiducia; ora la ragazza è sotto la costante vigilanza di suo fratello secondo il quale soffre di una grave malattia ai nervi che spesso le fa perdere l’equilibrio. Tom suggerisce a Burt e Harold di parlare con Gil Dillenbeck, un decorato generale che era anche amico di Meekins. Mentre Burt tenta di contattare Dillenbeck, i suoi amici notano Tarim Milfax, l’assassino di Elizabeth, e lo seguono in una clinica di sterilizzazione forzata di proprietà di una misteriosa organizzazione filonazista, il Consiglio dei Cinque. Valerie fa quindi reincontrare Burt e Harold con Canterbury e Norcross.

Plot
Paul e Henry spiegano che la misteriosa organizzazione ha in programma di rovesciare il governo americano e che Dillenbeck può impedire tutto ciò. I tre si incontrano col generale, al quale viene periodicamente offerta una grossa somma di denaro, che lui sistematicamente rifiuta, da un uomo per conto di un ente economico affinché pronunci un discorso per convincere i veterani a rimuovere con la forza il presidente Franklin D. Roosevelt sostituendolo con lo stesso Dillenbeck in qualità di dittatore-fantoccio. Dillenbeck rifiuta per l’ennesima volta il denaro, ma finge di essere disposto a pronunciare ugualmente il discorso per il quale gli era stato offerto con l’intenzione, in realtà, di leggerne un altro nel quale svelerà il complotto.

Plot
Al galà organizzato da Burt e Harold in onore dei veterani di guerra, mentre Dillenbeck legge il proprio discorso, Milfax gli spara per farlo tacere ma viene fermato in tempo e arrestato, mentre il misterioso Consiglio si rivela essere sostenuto anche da Tom Voze, ossessionato dalle figure di Hitler e Mussolini e desideroso di portare la dittatura anche in America. Meekins era stato ucciso perché rifiutatosi di prestare i suoi servigi per questo complotto, e Tom aveva usato Burt e Harold per agganciare lo schivo Dillenbeck. Tom e gli altri leader vengono arrestati dalla polizia, ma non rimangono a lungo in prigione e appena usciti diffamano Dillenbeck sulla stampa. Il veterano, dal canto suo, testimonia dell’incidente al Congresso. Harold e Valerie, che in realtà non soffre di alcuna malattia ai nervi ma era regolarmente drogata da Tom per renderla innocua, lasciano l’America e partono verso un’ignota destinazione. Burt dà loro l’addio decidendo di riaprire il suo studio medico e ipotizzando una relazione con Irma.

Curiosities
All’inizio dei titoli di coda del film, il filmato originale circa la testimonianza del generale del Corpo dei Marines in pensione Smedley Butler al Congresso degli Stati Uniti (1934) è mostrato accanto a una rappresentazione del generale Gil Dillenbeck che legge lo stesso discorso contemporaneamente.

About the movie
Con Amsterdam, David O. Russell, regista de Il lato positivo, American Hustle e Joy, aggiunge un importante tassello alla sua filmografia. Servendosi infatti di un cast pieno di stars internazionali, il regista firma un’opera magnifica, mescolando storia, finzione, dramma e commedia, portando lo spettatore a credere un po’ di più nella vita, nell’amore e nel fatto che una vera amicizia sia in grado di salvare le persone.
Il punto forte del film sta nella rete fitta di dialoghi e nei rapporti tra i personaggi. È un patto di sangue quello che lega i tre protagonisti, amici fraterni fin da subito per scelta. Quando conosci una persona in un momento di difficoltà, sai che quel legame non si scioglierà mai, perché la difficoltà ci mette a nudo, tira fuori il peggio di noi, e se in quel peggio si è rimasti uniti, allora niente potrà mai scalfire il legame.

– martie

martie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti