What did Jack do?

Il 20 gennaio è uscito su Netflix “What did Jack do?”, cortometraggio scritto, diretto e interpretato da David Lynch in cui assistiamo ad una situazione a dir poco surreale: un detective interroga una scimmia sospettata di aver ucciso una gallina.

Il cortometraggio è un susseguirsi di dialoghi totalmente assurdi e solo alla fine capiamo il movente di Jack e tutto sembra acquistare un senso, per quanto assurdo esso possa essere.

La scimmia parlante

Jack, la scimmia accusata di omicidio, parla. A rendere questa situazione tipica dei cartoni incredibilmente inquietante è il fatto che la sua bocca non sia quella di una scimmia, doppiata poi in un momento successivo. La sua è una bocca umana e non una qualunque, bensì quella del regista stesso. E l’inquietudine che deriva da questo dettaglio non ha limiti. Inoltre verso la fine Jack canta una canzone d’amore in cui esprime i suoi sentimenti per la gallina di cui è innamorato, ma il risultato è una scena macabra e spaventosa.

Risultato immagini per what did jack do gif"

Il bianco e nero

Per aumentare il senso di inquietudine che pervade la pellicola, Lynch (che nel cortomentraggio interpreta il detective che interroga Jack) decide di girarla in bianco e nero, utilizzando poche e semplici inquadrature che si ripetono. Il risultato è che il cortometraggio è quasi spaventoso ancora prima che inizino a parlare.

Per il resto non c’è molto altro da dire: il prodotto di Lynch è semplicemente e volutamente assurdo, ma non nasconde significati particolari. È un detective che interroga una scimmia sospettata di aver ucciso una gallina. Il tutto contornato da un’atmosfera alla “David Lynch”.

Voto: 7/10

Anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti