La Regina degli Scacchi: la miniserie di Netflix più vista del momento

Netflix ha annunciato che “La regina degli scacchi” è la miniserie più vista di sempre. Proviamo a spiegare i motivi di questo clamoroso successo. “La regina degli scacchi” è una miniserie americana ideata da Scott Frank e Allan Scott, composta da sette episodi; è tratta dal romanzo “The queen’s gambit”, dello scrittore Walter Tevis e il titolo fa riferimento al gambetto di donna, il nome di una apertura del gioco degli scacchi.

La serie racconta la storia di Beth Harmon, una bambina orfana che all’età di otto anni, conosce il mondo degli scacchi, grazie al custode dell’orfanotrofio che le insegna a giocare, scoprendo il suo strabiliante talento. Beth inizia presto ad essere dipendente da alcol e psicofarmaci, ma nonostante la sua natura fragile dovuta alla sua infanzia, riesce a diventare una donna ed una giocatrice forte e tenace, capace di farsi strada in un mondo ancora a lei sconosciuto, ma del quale diventerà presto la rappresentante più importante.

L’attrice che interpreta Beth è la bravissima e bellissima Anya Taylor-Joy, assolutamente credibile e affascinante nel ruolo della geniale campionessa di scacchi.

I bellissimi costumi, le colorate scenografie vintage e le ricercate musiche sono utilizzate al meglio per rendere onore all’emozionante storia raccontata, che mostra come una donna, solitaria e dal difficile passato, possa trovare il suo posto nel mondo e realizzare i suoi sogni, anche in un ambiente pieno di restrizioni e pregiudizi.

Il personaggio della Harmon è un personaggio inventato, ma lo scenario rappresentato degli anni cinquanta corrisponde al clima reale dell’epoca, anche nell’ambito sportivo, composto soprattutto da uomini, anche se una delle poche critiche ricevute dalla serie è proprio il non aver mostrato che a giocare c’erano anche alcune donne.

Ogni episodio ha come titolo un termine scacchistico: Aperture, Scambi, Pedoni doppiati, Mediogioco, Forchetta, Sospensione, Finale.

Sicuramente guardando questa miniserie vi verrà voglia di imparare a giocare a scacchi, anche solo per capire tutti i termini utilizzati e per appassionarsi a tutte le strategie che l’ineguagliabile Beth mette in campo per combattere i suoi avversari.

Simona De Bartolomeo

Simona De Bartolomeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti