LO SCHIACCIANOCI E I QUATTRO REGNI

Sono andata a vedere questo film sapendo esattamente cosa mi aspettava: il solito live action Disney con i villains, i personaggi idealizzati al massimo, la fotografia allegra, le scenografie che ti fanno sognare. Non fraintendete è esattamente per tutti questi motivi che amo la Disney e non potrei immaginarmela in modo diverso e non sarebbe neanche giusto in qualche modo.

Risultati immagini per the nutcracker and the four realms gif

Quindi, la trama! La storia richiama ovviamente quella della favola “Lo Schiaccianoci” di Hoffman, ma è del tutto stravolta. La protagonista, orfana di madre da poco, riceve un ultimo regalo da quest’ultima: un oggetto con una serratura, ma senza chiave. Per trovarla, grazie all’aiuto del suo padrino (che la conduce in questo mondo devastato, certo, ma che ha ancora qualcosa di magico), la ragazza inizia un’avventura indimenticabile, ripercorrendo, da un certo punto di vista, anche le tracce della madre, che la porteranno così a comprendere meglio il resto della sua famiglia.

I quattro regni sono costruiti molto bene. Tutto è fantastico e ha un qualcosa di bellissimo, esteticamente parlando. I personaggi dei quattro regni sono estremizzati fino al ridicolo e mantengono la loro parte anche nelle situazioni più tragiche.

LA DISNEY FA SEMPRE IL SUO EFFETTO

Immagine correlata

Questo film, in particolare, è stato piacevole da guardare, anche solo per dimenticare tutto e vivere con i personaggi una storia straordinaria, come la Disney sa fare. Interessante è il plot twist finale che, anche se te lo aspetti, ti sorprende comunque e rende ancora più completa la trama. Ottimo è anche l’utilizzo degli effetti speciali, per non parlare dei meravigliosi costumi e di un’impeccabile colonna sonora. Inoltre la recitazione di Mackenzie Foy è sorprendente, così come il personaggio interpretato d Kiera Knightley, un personaggio divertente e particolare, che stranamente le si addice.

Insomma, “Lo Schiaccianoci e i quattro regni”, nonostante sia abbastanza scontato, non cade nel banale, ha delle musiche da far girare la testa per la loro bellezza, ti conduce in un mondo lontano creato dall’ingegno e dalla fantasia, ma soprattutto è uno di quei film che inevitabilmente ti rende un po’ più felice.

VOTO

7+ / 10

Benny x

Benny

"I believe in the power of words"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti